La semina e il raccolto: umanità per amore

Tanto nel bene quanto nel male, questo incredibile anno sta per terminare, anche se con esso non è detto che problematiche, insoddisfazioni e casi limite vengano trascinati forzatamente in un dimenticatoio fatto ad hoc per l’occasione…in fondo, è pur sempre vero che le festività inducono, come pochi altri momenti all’anno, a stamparsi sul volto un sorriso di circostanza, maschere che all’occorrenza siamo costretti a indossare, se vogliamo evitare d’essere tartassati con domande e quesiti che hanno nell’indiscrezione il proprio alzabandiera personale. Si sa, convivialità è anche condivisione e, volenti o nolenti, si è messi nella scomoda posizione di dover fare i conti con quanto ci circonda, Continua a leggere

Annunci

Il ruolo della Letteratura nella contemporaneità.

Oggi riporto papale papale un interessantissimo passo tratto dal già citato “Incontri con uomini straordinari” di Georges I. Gurdjieff, in cui l’autore non solo si limita a lanciarsi in una disamina (più che obiettiva e amaramente poco lusinghiera) della letteratura e dei suoi attuali rappresentanti, ma ripropone anche i particolari di un discorso sentito in gioventù durante il suo primo soggiorno in Persia in occasione di una riunione di intellettuali cui, per caso, partecipò.

Continua a leggere