Pagina 72: il riposo del Guerriero

Alle volte, mi trovo a non-riflettere: un muro e il Nulla attendono dentro di me. Non c’è sorpresa, però: ci ho fatto l’abitudine; mi riprendo quasi subito. Ma non sempre.

Continua a leggere

Alba e vento all’orizzonte!

Non c’è vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare.”

alba

Dopo tanto incespicare, scorgo quelle dannate ansie, le incertezze del mio passato, e mi ritrovo ad affrontarle nel presente, a scandagliarne l’essenza hic et nunc, a valutarle nella loro semplice nudità. Che goffe, rifletto. Che insulse, mi rimprovero.
E penso a questo celebre aforisma di Seneca, che da anni leggo sotto molteplici forme e salse ma che soltanto ora mi appare per la sua intrinseca, profondissima verità. Come un segreto rivelato, quel significato che prima non si palesava probabilmente perché non volevo vederlo, perché non era il momento giusto, perché mi facevo troppe domande. Troppe sciocche domande.
Quale meraviglia la parola scritta, così apparentemente scarna e così pienamente ricca di senso!

Ora so dove andare. Il vento è favorevole, il mare s’ingrossa, la superficie s’increspa. All’orizzonte, un pallido Sole risorge dalle ceneri della notte.

Vedremo.

Incontri ravvicinati con la Storia. Oriana Fallaci, una donna nel mito

Lo scorso 3 febbraio sono andata all’anteprima cinematografica di “L’Oriana“. In sala eravamo in sette. Età media: 50 anni (più del doppio dei miei).

Che sia per disinteresse o per semplice pigrizia (la fiction – perché di miniserie si tratta – sarà in onda nei salotti di milioni di italiani comodamente seduti/distesi sul divano di casa propria, il 16 e il 17 febbraio), ho trovato che fosse un vero peccato. Davvero.

Film-ritratto con la regia di Marco Turco (fra gli interpreti Vittoria Puccini e Vinicio Marchioni), “L’Oriana” tratteggia vivamente la personalità di questa “big” del nostro tempo: una donna appassionata della vita e innamorata della verità.

Il mio nuovo articolo su “L’Undici” parla proprio di Lei.

Omaggio a Duy Huynh

Un pensiero (non mio) per ogni opera (selezionata) di Duy Huynh, artista contemporaneo vietnamita neo-surrealista.

Mi sono chiesta cosa mi trasmettesse ogni suo soggetto raffigurato…et voilà!

Continua a leggere

O Musica, riflesso dell’anima!

“Anche se il tempo passa (Amore)” – Lucio Dalla

“Noi la vita la annusiamo in tutti i posti, ma lei passa senza neanche un ciao…
oppure vola come i ladri sopra i tetti se ci provi non la puoi fermare…

Io lo so perchè da un certo punto in poi le cose cambiano
e so anche perchè amore per me non è mai stato facile…

Anche se il tempo passa, e tu non sei mai la stessa (vita),
la voglia che ho di te non l’ho mai persa
e, se ogni istante ci cambia, se ogni cosa è diversa,
c’è amore e resterà nella mia testa…

Continua a leggere

La Gioia di Scrivere (vita) si chiama Wislawa

Oggi, 1 febbraio 2015, ribloggo il primissimo articolo di quest’avventura fatta di lettere e fantasia, parole e immaginazione, assonanze e consonanze, sillabe e perifrasi, La (mia) Gioia di Scrivere Vita – dal nome dell’opera omnia di una poetessa a dir poco eccezionale, l’unica che mi sento di chiamare semplicemente per nome: Wislawa.

A Lei e a tutti coloro che hanno trovato nella sua poesia conforto dalla frustrazione, serenità nell’occhio del ciclone, quiete dopo la tempesta, dedico la mia ispirazione, fugace come un lampo di poesia, a tre anni esatti dalla sua scomparsa.

Wisława Szymborska (Kórnik, 2 luglio 1923 – Cracovia, 1º febbraio 2012)

wislawa

lagioiadiscriverevita

Che cos’è l’ispirazione?

Secondo il vocabolario Treccani, si tratta di un termine soggetto a molteplici declinazioni. Si legge che “ispirazione” [dal lat. tardo inspiratio onis, der. di inspirare: v. ispirare], è un “intervento di uno spirito divino che, con azione soprannaturale, determina la volontà dell’uomo ad agire o pensare in un determinato modo, o rivela alla sua mente delle verità, spesso stimolandolo e guidandolo a esprimerle con la parola o con gli scritti”; e ancora, per estensione, “ogni impulso o idea felice che sorga nell’animo quasi per suggerimento della divinità” anche se, più genericamente, assume la forma di un “consiglio”; infine, senza lasciare nulla al caso, è definita anche come “stato di entusiasmo, di eccitazione fantastica in cui l’artista crea la sua opera, e il motivo stesso che eccita e feconda la sua fantasia”.

View original post 628 altre parole